Relazione sulla gestione

Risultati economici, patrimoniali e finanziari

Conto economico

In riferimento alla cessione dell'ultima quota della partecipazione in ISAB si segnala che nel Bilancio Consolidato i risultati contabili delle attività relative al Business Raffinazione costiera (discontinued operations) sono indicati separatamente in applicazione di quanto richiesto dall'IFRS 5.

Ai fini di una maggiore chiarezza espositiva si è ritenuto opportuno esporre e commentare nella presente Relazione sulla Gestione i risultati comprensivi anche di quelli relativi al suddetto business.

(milioni di euro) Anno 2013 Anno 2012
     
Conto Economico Riclassificato    
Ricavi della gestione caratteristica 7.051,8 8.264,8
Altri ricavi e proventi 23,9 23,3
RICAVI TOTALI 7.075,7 8.288,1
     
Costi per acquisti e variazioni delle rimanenze (6.099,0) (7.327,7)
Costi per servizi e altri costi operativi  (596,8) (628,5)
MARGINE OPERATIVO LORDO 379,8 331,8
     
Ammortamenti  esvalutazioni immobilizzazioni (210,1) (152,6)
Proventi (oneri) da cessione ramo d'azienda - (1,6)
Proventi (oneri) finanziari netti  72,8 52,5
Proveni (oneri) da partecipazioni netti 97,1 143,7
Risultato prima delle imposte 194,0 268,7
     
Imposte sul reddito (108,8) (68,8)
Risultato d'esercizio 85,2 199,9
     
Risultato di azionisti terzi (56,8) (48,7)
Risultato netto di Gruppo 28,4 151,2

Ricavi della gestione caratteristica

I ricavi nel 2013 sono pari a  7.052 milioni rispetto a 8.265 milioni 2012. La variazione riflette i seguenti fattori:

  • il decremento dei ricavi del Refining & Marketing legato principalmente alla diminuzione dei volumi venduti a seguito della ridotta partecipazione nella raffineria ISAB;
  • i ricavi dell'Energia - Termoelettrico sostanzialmente in linea con quelli dell'anno precedente;
  • l'incremento dei ricavi dell'Energia – Rinnovabili a causa principalmente dei maggiori volumi di vendita come conseguenza dell'incremento della capacità produttiva a seguito dell'acquisizione di ERG Wind.
Altri ricavi e proventi

Comprendono principalmente gli affitti attivi, i rimborsi assicurativi, le plusvalenze da alienazione, gli indennizzi e i recuperi di spese.

Costi per acquisti e variazioni delle rimanenze

I costi per acquisti si riferiscono principalmente ad acquisti di greggio e altri semilavorati e includono anche le spese di trasporto e gli oneri accessori. Nel 2013 risultano inferiori rispetto al 2012 di circa 1.224 milioni, principalmente per minori volumi acquistati e per minori prezzi di acquisto. 

Per quanto riguarda le rimanenze si registra un decremento di circa 103 milioni delle materie prime (-180 migliaia di tonnellate rispetto al 31 dicembre 2012) e una diminuzione di circa 8 milioni per i prodotti finiti (-23 migliaia di tonnellate). 
Nel 2012 si era registrato un aumento di circa 22 milioni per le materie prime e una diminuzione di circa 137 milioni per i prodotti finiti. Si ricorda che in base al metodo del costo medio ponderato la variazione inventariale risente, oltre che del livello puntuale delle quantità in giacenza a fine periodo, dell'oscillazione dei prezzi di acquisto delle materie prime e dei prodotti finiti.

Costi per servizi ed altri costi operativi

I costi per servizi includono i compensi di lavorazione della Raffineria ISAB, i costi di manutenzione, le spese commerciali (inclusi i costi per il trasporto dei prodotti e dell'energia elettrica), i costi per utilities, per consulenze (ordinarie e legate a operazioni straordinarie), assicurativi, di marketing e per servizi forniti da terzi. Gli altri costi operativi sono relativi principalmente al costo del lavoro, agli affitti passivi, agli accantonamenti per rischi e oneri e alle imposte diverse da quelle sul reddito. Il decremento rispetto ai corrispondenti periodi del 2012 è principalmente legato ai minori compensi di lavorazione, a seguito della già commentata riduzione della quota in ISAB. Si precisa che la voce risente dell'incremento di costi relativi a ERG Wind (45 milioni nel 2013) rappresentati principalmente da costi di manutenzione, affitti passivi e altri servizi forniti da terzi. 

Ammortamenti e svalutazioni

L'incremento degli ammortamenti è attribuibile principalmente ai nuovi parchi eolici acquisiti. 

Proventi (oneri) finanziari netti

Gli oneri finanziari netti del 2013 sono pari a 73 milioni, rispetto ai 53 milioni registrati nel 2012. L'incremento è attribuibile principalmente alla variazione dell'area di consolidamento a seguito delle acquisizioni e investimenti effettuati nel 2013, parzialmente compensato dai minori tassi di interesse. Si evidenziano inoltre maggiori proventi dal cash management.
Nel dettaglio la voce include proventi finanziari netti a breve termine per circa 10 milioni (4 milioni nel 2012) derivanti principalmente dalla gestione della liquidità, e oneri finanziari a medio-lungo termine per circa 81 milioni (54 milioni nel 2012) a seguito della richiamata variazione dell'area di consolidamento; tali valori a medio e lungo termine riflettono anche gli effetti degli strumenti derivati di copertura dal rischio fluttuazione dei tassi d'interesse. 

Proventi (oneri) da partecipazioni netti

La voce nel 2013 comprende principalmente la plusvalenza netta pari a 173 milioni relativa alla vendita dell'ultimo 20% di ISAB S.r.l. avvenuta in data 30 dicembre 2013 e il conguaglio sul prezzo di cessione del 20% avvenuto nel 2012 (9 milioni). Si ricorda che nel 2012 la voce comprendeva la plusvalenza (227 milioni) realizzata a fronte della cessione del 20% della medesima partecipazione. La voce include anche i risultati delle società valutate con il metodo del patrimonio netto (principalmente i risultati di ISAB S.r.l. e della joint venture TotalErg S.p.A.). 
Si precisa che nel 2013 la voce comprende la svalutazione della partecipazione in TotalErg per 58 milioni, in particolare a riduzione dei plusvalori attribuiti nel 2010 nell'ambito dell'operazione di costiuzione della joint venture.

Imposte sul reddito

Le imposte sul reddito nel 2013 sono pari a 109 milioni (69 milioni nel 2012) e comprendono imposte correnti per 99 milioni e imposte differite per 10 milioni comprensive dello stralcio di imposte anticipate su perdite fiscali (21 milioni) relative all'addizionale Robin Tax applicata su ERG S.p.A. ed, ad oggi, ritenute non più recuperabili.
Il tax rate, ottenuto dal rapporto tra le imposte e l'utile ante imposte, è pari al 56%. 
Il tax rate a valori correnti adjusted, ottenuto dal rapporto tra le imposte e l'utile ante imposte al netto dell'utile/perdita di magazzino e delle poste non caratteristiche risulta pari al 52%.

 

Situazione patrimoniale

La situazione patrimoniale al 31 dicembre 2013 risente del consolidamento del gruppo ERG Wind a seguito della già citata operazione di acquisizione.
Il contributo di ERG Wind a livello di capitale investito netto risulta pari al 1° gennaio 2013 a circa 800 milioni, con corrispondente incremento a livello di indebitamento finanziario netto.

(milioni di euro) 31/12/2013 31/12/2012
Stato patrimoniale riclassificato    
Capitale immobilizzato 2.795,0 2.422,7
Capitale circolante operativo netto 278,7 170,7
Trattamento di fine rapporto (5,0) (3,5)
Altre attività 410,7 352,9
Altre passività (658,4) (459,1)
Capitale investito netto 2.821,0 2.483,7
     
Patrimonio netto di Gruppo 1.773,6 1.775, 7
Patrimonio netto di terzi  240,0 195,4
Indebitamento finanziario netto 807,5 512,6
Mezzi propri e debiti finaziari 2.821,0 2.483,7

Al 31 dicembre 2013 il capitale investito netto ammonta a 2.821 milioni in sensibile aumento rispetto al 31 dicembre 2012 a seguito dell'acquisizione dei parchi eolici di ERG Wind.

La leva finanziaria, espressa come rapporto fra i debiti finanziari totali netti (incluso il Project Financing) e il capitale investito netto, è pari al 29% (21% al 31 dicembre 2012). 

Capitale immobilizzato

Il capitale immobilizzato include le immobilizzazioni materiali, immateriali e finanziarie. L'incremento rispetto al 31 dicembre 2012 è attribuibile principalmente all'acquisizione dei parchi eolici di ERG Wind. 

Capitale circolante operativo netto

Il capitale circolante operativo netto include le rimanenze, i crediti e debiti commerciali e i debiti verso l'erario per accise.
L'aumento rispetto al 31 dicembre 2012 è dovuto principalmente all'apporto di ERG Wind oltreché a fenomeni puntuali legati alla dinamica del circolante. 

Altre attività

Sono costituite principalmente dai crediti per imposte anticipate, verso erario per acconti versati e da pagamenti già effettuati a fronte di prestazioni in corso. 

Altre passività

Sono relative principalmente alle imposte differite calcolate sulle differenze fra i valori civilistici e i relativi valori fiscali (principalmente cespiti e magazzino), alla stima delle imposte di com-petenza del periodo, ai fondi per rischi e oneri, ai debiti per IVA e al risconto passivo per il differimento del riconoscimento a Conto Economico della maggiorazione tariffaria CIP 6 sulle vendite di energia elettrica della controllata ISAB Energy. 

Indebitamento finanziario netto

(milioni di euro)  31/12/2013  31/12/2012
     
Riepilogo indebitamento del Gruppo    
Indebitamento finanziario a medio-lungo termine 1.435,7 918,4
Indebitamento finanziario (disponibilità liquide) a breve termine (628,2) (405,8)
     
TOTALE 807,5 512,6

Si riporta nella tabella seguente l'indebitamento finanziario a medio-lungo termine del gruppo ERG:

(milioni di euro)  31/12/2013 31/12/2012
     
Indebitamento finanziario a medio-lungo termine    
Debiti verso banche a medio-lungo termine 120,8 289,1
Quota corrente mutui e finanziamenti (87,0) (168,6)
Debiti finanziari a medio-lungo termine 162,3 94,9
TOTALE 196,2 215,4
     
Project Financing a medio-lungo termine 1.361,9 789,2
Quota corrente Project Financing (122,5) (86,2)
Totale Project Financing 1.239,5 703,0
     
TOTALE 1.435,7 918.4


I debiti finanziari a medio-lungo termine includono le passività derivanti dalla valutazione al fair value degli strumenti derivati a copertura dei tassi di interesse per 141 milioni (76 milioni al 31 dicembre 2012) e per la restante parte i finanziamenti onerosi concessi a ISAB Energy S.r.l. dal gruppo IPM che detiene il 49% della società. 

I debiti per "Project Financing a medio-lungo termine" sono relativi a:

  • finanziamenti per 1.063 milioni erogati a società del settore Energia – Rinnovabili per la costruzione di parchi eolici di cui 656 milioni relativi ai parchi eolici di ERG Wind, al netto del fair value positivo rispetto al nozionale per circa 138 milioni; 
  • finanziamenti per 177 milioni erogati alla società ERG Power S.r.l. per la costruzione del-l'impianto CCGT.

Si segnala che in data 13 dicembre 2013 è stato rimborsato anticipatamente il debito residuo per il Project Financing di ISAB Energy per circa 31 milioni. 

L'incremento rispetto al 31 dicembre 2012 è dovuto principalmente alla già commentata acquisizione di ERG Wind. 
Si precisa che in applicazione dello IAS 39 gli oneri accessori sostenuti per l'ottenimento dei finanziamenti sono portati a riduzione del debito cui si riferiscono, secondo il metodo del costo ammortizzato.
In merito all'acquisizione di ERG Wind si segnala inoltre che, in applicazione dell'IFRS 3, la passività finanziaria relativa al Project Financing è rilevata al fair value. Tale fair value risulta infe-riore rispetto al valore nominale in considerazione delle condizioni di stipula più vantaggiose rispetto a quanto proposto dal mercato al momento dell'acquisizione.

L'indebitamento finanziario netto a breve è così costituito:

(milioni di euro) 31/12/2013 31/12/2012
     
Indebitamento finanziario (disponibilità liquide) a breve termine    
Debiti verso banche a breve termine 200,5 353,1
Quota corrente mutui e finanziamenti 87,0 168,6
Altri debiti finanziari a breve termine 12,4 19,9
Passività finanziarie a breve termine 299,9 541,6
     
Disponibilità liquide (816,6) (842,7)
Titoli e altri crediti finanziari a breve termine (73,3) (34,2)
Attività finanziarie a breve termine (889,9) (876,9)
     
Project Financing a breve termine 122,5 86,2
Disponibilità liquide (160,7) (156,6)
Project Financing  (38,2) (70,4)
     
TOTALE (628,2) (405,8)

Gli altri debiti finanziari comprendono principalmente:

  • i debiti finanziari verso società del Gruppo non consolidate;
  • i debiti a breve termine verso società controllate da IPM Eagle.

L'importo delle disponibilità liquide è costituito principalmente dalla liquidità derivante dall'incasso del corrispettivo per la cessione dell'ultimo 20% di ISAB S.r.l. nel mese di dicembre 2013, nonché dai conti correnti attivi vincolati in base alle condizioni previste dai contratti di Project Financing. 

Le "Attività finanziarie a breve termine" comprendono inoltre i titoli di impiego liquidità a breve periodo.
La variazione della voce "Titoli e altri crediti finanziari a breve termine" si riferisce in particolare a un diverso impiego temporale di liquidità nei titoli sopra descritti. 

L'analisi della variazione dell'indebitamento finanziario netto è la seguente:

(milioni di euro) Anno 2013 Anno 2012
 
Flusso di cassa da attività di esercizio
Flusso di cassa della gestione corrente rettificato (1) 327,4 207,9
Pagamento di imposte sul reddito (81,4) (8,2)
Variazione circolante operativo netto (33,3) (5,5)
Altre variazioni delle attività e passività di esercizio 39,1 (30,6)
TOTALE 251,8 163,6
 
Flusso di cassa da attività di investimento
Investimenti netti in immobil. materiali ed immateriali (2) (73,0) (74,3)
Investimenti netti in immobilizzazioni finanziarie (61,5) (16,0)
Incasso per cessione quote ISAB 434,7 484,7
TOTALE 300,2 394,4
 
Flusso di cassa da patrimonio netto 
Dividendi distribuiti (68,2) (62,7)
Altre variazioni patrimonio (3) 25,4 (44,3)
TOTALE (42,8) (107,1)
 
Variazione area di consolidamento4 (804,1) -
 
Variazione indebitamento finanziario netto (294,9) 450,9
     
Inedebitamento finaniario netto inziale  512,6 963,5
 
Variazione del periodoto 294,9 (450,9)
 
Imdebitamento finanziario netto finale  807,5 512,6

(1)  non include gli utili (perdite) su magazzino, il differimento della maggiorazione tariffaria CIP 6 e le imposte correnti del periodo.
(2)  non include i costi capitalizzati per manutenzione ciclica.
(3)  nel 2012 include acquisto azioni proprie per 26 milioni.
(4)  la variazione dell'area di consolidamento si riferisce all'acquisizione di ERG Wind, ERG Renew Operation & Mainentnance e alla cessione di Eolo .

L'incremento dell'indebitamento di 295 milioni rispetto al 31 dicembre 2012 è riferibile principalmente all'acquisizione di ERG Wind e al pagamento dei dividendi, effetti in parte compensati dall'incasso relativo alla cessione dell'ultimo 20% di ISAB e dal flusso di cassa del periodo.

Per un'analisi dettagliata degli investimenti effettuati si rimanda al relativo capitolo.

Consolidamento ERG Wind


In data 13 febbraio 2013 ERG ha perfezionato con International Power Consolidated Holdings Ltd. (100% GDF SUEZ) il closing per l'acquisto, attraverso la controllata ERG Renew, dell'80% del capitale di IP Maestrale Investments Ltd. L'Assemblea di IP Maestrale, in pari data, ha deliberato il cambio di denominazione della società in ERG Wind Investments Ltd.
ll corrispettivo complessivo provvisorio dell'acquisizione è stato pari a 35 milioni. In particolare il valore dell'acquisizione,  in termini di enterprise value, è stato di 859 milioni, pari a circa 1,35 milioni per MW installato. ERG ha riconosciuto al venditore un corrispettivo provvisorio per l'equity di 28,2 milioni per l'80% del capitale sociale di IP Maestrale. 
Nell'ambito degli accordi, è prevista un'opzione put and call sul rimanente 20% del capitale che potrà essere esercitata non prima di tre anni dalla data del closing. In considerazione dei termini dell'opzione e delle modalità di calcolo del relativo prezzo di esercizio si è assunta come certa l'acquisizione delle quote di terzi con la conseguente attrazione nel patrimonio netto di Gruppo delle quote di minoranze e la rilevazione della corrispondente attività finanziaria immobilizzata (7 milioni). Nel corso del mese di luglio 2013 le parti hanno concordato l'importo del corrispettivo definitivo complessivo per 23 milioni, che ha determinato un conguaglio positivo a favore di ERG di 12 milioni. In relazione a quanto sopra si è proceduto a effettuare la purchase price allocation in base alle informazioni disponibili, coerentemente con quanto indicato dall'IFRS 3. Alla fine di tale esercizio si è tenuto inoltre conto di eventuali aggiustamenti prezzi relativi a clausole di garanzia a tutela del Gruppo ERG previsti dagli accordi.
Per maggiori dettagli si rimanda a quanto indicato nel capitolo "Acquisizione IP Maestrale (ora ERG Wind)" delle Note del presente Bilancio Consolidato.

Di seguito è indicato il percorso metodologico utilizzato per il primo consolidamento delle società acquisite così come richiesto dai principi contabili di riferimento. 
L'acquisizione è stata rilevata in base alle disposizioni dell'IFRS 3 sulle aggregazioni di imprese; in base a tale principio ai fini di una corretta contabilizzazione dell'operazione è necessario:

  • determinare il costo complessivo dell'acquisizione;
  • determinare il fair value della attività e passività acquisite;
  • allocare, alla data di acquisizione, il costo dell'aggregazione aziendale alle attività acquisite e alle passività assunte, incluse quelle non rilevate precedentemente all'acquisto;
  • rilevare l'eventuale avviamento acquisito nell'aggregazione.

Nella determinazione del fair value delle attività e passività acquisite, le principali differenze individuate si riferiscono alla valutazione: 

  • delle attività immobilizzate e in particolare dei contratti e delle autorizzazioni per la produzione di energia elettrica a tariffa incentivata per i parchi eolici in esercizio. La valutazione di tali attività è stata effettuata in via provvisoria tramite il supporto di modelli predisposti nella fase di valutazione dell'opportunità dell'investimento;
  • delle passività finanziarie relative al derivato di copertura dei tassi di interesse e al finanziamento, originariamente stipulato a condizioni più vantaggiose rispetto a quanto proposto dal mercato al momento dell'acquisizione.

La differenza tra il costo complessivo dell'acquisizione e il valore netto delle attività e passività acquisite è stata rilevata in via residuale ad avviamento. Nel periodo intercorrente tra la data di primo consolidamento (1° gennaio 2013) e il 31 dicembre 2013 il Gruppo ERG Wind ha contribuito al margine operativo lordo del Gruppo ERG per circa 121 milioni.

L'impatto dell'operazione sull'indebitamento finanziario netto di Gruppo, al 1° gennaio 2013, è stimato pari a 800 milioni e si riferisce al corrispettivo scambiato (23 milioni) e alla posizione finanziaria netta delle società acquisite, comprensiva della passività del fair value dei derivati e dell'effetto positivo derivante dalla valutazione al fair value del finanziamento, come sopra già commentato.

ERG S.p.A. - Genova

Paolo Merli

Head of Corporate Finance & Investor Relations

0039 010 2401376

ERG S.p.A. - Genova

Matteo Bagnara

Investor Relations

0039 010 2401423

ir@erg.it


Basket
Vai al basket
Aggiungi al basket
Aggiungi la pagina al basket
Stampa
Stampa la pagina
Preferiti
Aggiungi la pagina ai preferiti del browser
Mail
Condividi l'articolo
Download
Scarica il pdf di questa sezione
Grafici
Vai ai grafici interattivi
 
Chiudi

Documenti presenti nel basket

Seleziona una delle seguenti operazioni

Stampa tutto Ricarica la cartella Rimuovi tutto
Chiudi

Condividi articolo

Invia